EN In this series, the artist strongly recalls the typical visions of European romanticism, where Man rediscovers his organic relationship with nature, his ecstatic contemplation in which we lose our gaze. the artist uses it to highlight the perspective dimension of the painting and the geometry of its background landscapes in which the highly idealized human figure becomes an essential element and, at the same time, secondary to the completeness of the whole. Crivello has studied the classics. He sometimes highlights a sense of the unfinished that leaves much room for the imagination, these works are transformed into views or backgrounds between the real and the metaphysical, as well as the figures that they live in. Flesh is absent, replaced by souls who, cloaked in refined draperies, hover ethereally in an almost hieratic nobility. Crivello's works are paradisiacal, supernatural representations, overwhelmed by silence, the artist claims the contemplation of the observer called to an introspective investigation before the presences-absences that recall the loss of man, the torment of Being and the philosophy of existentialists. The soul of the young artist oscillates between the Renaissance and the romantic, his art is modernized by a fresh though thoughtful brush stroke that makes him a refined painter [...]

IT In questa serie, l'artista richiama fortemente le visioni tipiche del romanticismo europeo, in particolare di quella fase in cui l’Uomo riscopre il suo rapporto organico con la natura, la sua contemplazione estatica nella quale si perde lo sguardo. l’Artista si serve per evidenziare la dimensione prospettica del dipinto e la geometria dei suoi paesaggi di sfondo nei quali la figura umana fortemente idealizzata diventa elemento essenziale ed allo stesso tempo secondaria rispetto alla compiutezza dell’insieme. Crivello ha ben studiato i classici, utilizza una pittura “ di riempimento” evidenziando talvolta un senso di non finito che lascia molto spazio all’immaginazione, questi lavori si trasformano in vedute o sfondi tra il reale ed il metafisico, così come le figure che le abitano in cui risulta assente la “carne” sostituita da anime che, ammantate in raffinati panneggi aleggiano eteree in una nobiltà di posa quasi ieratica. I lavori di Crivello sono rappresentazioni paradisiache, sovrannaturali, sopraffatte dal silenzio, l’artista pretende la contemplazione dell’osservatore chiamato ad una indagine introspettiva innanzi alle presenze-assenze che richiamano lo smarrimento dell’uomo, il tormento dell’Essere e la filosofia degli esistenzialisti più profondi. L’anima del giovane artista oscilla tra il rinascimentale ed il romantico, la sua arte è modernizzata da una pennellata fresca seppur meditata che ne fa un pittore raffinato[...]

G. Petrecca

Subscribe to my monthly newsletter to see more

NEWSLETTER

MAIL

  • Facebook
  • Instagram

© 2020 Luca Crivello